Silversisters: come accettare il tempo che scorre vivendo felici


18 Maggio 2021

Categorie: Blog

Vado dritta al punto, perché in questo caso specifico l’arte retorica diventa solamente una leziosità inutile: ho smesso di tingermi i capelli.

E quindi?, potrete forse pensare, perché dovrebbe interessarci?

In effetti non è un atto che cambierà il mondo, né salverà una riserva naturale dal disboscamento selvaggio, tantomeno potrà chiudere fabbriche inquinanti o mediare le sorti della corrente pandemia che viviamo. Ma ci sono delle azioni che incidono sul benessere mentale del singolo, che potrà poi trovare un equilibrio che gli permetterà di vivere meglio.

Non tingersi i capelli è un atto individuale, personale, che ha un significato profondo. Rinunciare alla tinta dei capelli vuol dire accettare il tempo che passa, per non restare intrappolati in una sindrome da epoca d’oro che mitizza e ricrea i nostalgici bei tempi andati. Non è trascuratezza, attenzione. La trascuratezza implica una bassa considerazione del proprio io. La ricrescita che spunta dalla radice dei capelli, le punte che sfumano verso il grigio, le chiome argentate… non sono segni di una personalità debole e insicura, anzi, sono tutti simboli di accettazione del sé e di esperienza che continua a maturare. Attraverso questi colori così inconsueti, per gli standard di bellezza occidentali, è come se dicessimo “sapete che c’è? Noi ci piacciamo anche così, non ci convincerete mai più a nascondere la nostra natura di donna che cambia e cresce”.

Questo pensiero non è totalmente farina del mio sacco, tanto per restare in ambito culinario. Ho iniziato a convincermi ad effettuare questa transizione da tinta-a-capelli-naturali grazie al movimento internazionale delle Silversisters, “una sorellanza di donne d’argento”, come recita il loro stesso sito web. Sono un gruppo di donne che, semplicemente, accettano l’età che hanno, senza compromessi. Sono tutte bellissime. Siamo tutte bellissime. Il loro discorso d’apertura e introduzione al movimento Silversisters dice pressappoco queste parole, tradotte dall’inglese:

“Questi capelli sono la nostra corona: platino, argento, orpello, perla. E la corona noi la indossiamo da regine! Questi fili luccicanti sono come le colonne del nostro curriculum: una chiara prova di anni di esperienza e saggezza meritata sul campo. I capelli d’acciaio sono la nostra forza, lo stile sale e pepe è la nostra spezia! Siamo una comunità di donne che abbraccia coraggiosamente i nostri capelli grigi. Condividiamo risate, consigli, amicizia ed esperienze. Ci sosteniamo a vicenda mentre percorriamo i nostri percorsi individuali; Siamo in viaggio per far sapere al mondo che non dobbiamo adattarci a idee preconcette sull’invecchiamento o aderire a standard di bellezza con cui non siamo d’accordo”

Penso che sia vero quanto sostenuto dalle Silversisters. Non dobbiamo adattarci a nulla. Dobbiamo sentirci a nostro agio. Per quanto mi riguarda, l’accettazione del tempo che scorre mi permette di essere più serena e decisa nei miei progetti. Non mi devo preoccupare di ciò che potrebbe pensare la gente di me, francamente non mi interessa affatto. Vado avanti per la mia strada. Alla fine, questi mezzi estetici sono futili forse, ma da simbolismi del genere nascono i cambiamenti davvero importanti nella vita di tutti noi. Ci servono per darci forza.

Io, oggi, mi piaccio così. Mi sento coerente, onesta, leggera. Va bene così.